ARTE

Solo la poesia ispira poesia

Orte Paese

La poesia è una forma d’arte che crea un componimento fatto di frasi. Essendo una vera e propria arte, riesce a trasmettere concetti e stati d’animo. Cos’è la poesia?  essa genera i versi e poi se la da a gambe, non vuole essere nominata. Che cosa sono queste righe che s’interrompono e lasciano uno strano spazio bianco sulla pagina, queste parole scritte a matita. Come affermava un poeta crepuscolare: “Cosa sono queste poesie scritte col lapis?”. Quest’arte è molto legata al ritorno, ai luoghi che abbiamo amato, che si rivolgono a noi, che hanno una voce che ci chiama.

Poesie in dialetto Ortano

“Il tempo è come un feltro, dal reticolo sempre più stretto. Non ha tempo di considerare cosa trattenere. E scivolano via le nostre emozioni, portandosi dietro quel che resta della ragione”.
(Anna Maria Mazzoni)

E Orte che cos’era?

Di seguito vi proponiamo una serie di poesie scritte in dialetto ortano, tratte dal libro: ZZÒNI CCANTI E ZZOMBI LÀ PPE’ ORTE di Vincenzo Cherubini.

A Orte ce stanno tre paesi

A Orte ce stanno tre paesi, mica uno,
co’ ‘n zanto protettore pe’ ciascuno.
Tre spece de ortani, tre tradizzioni, tre tipi d’abbitandi:
quelli de Orte, de Petignano e poi li stazzionandi.
Si cce volemo métte’ dendro pure tre frazzioni,
quella de le Grazzie, San Michele e Mazzoni.
L’ùrdimi fanno na festarèlla, pure si sò pochi,
co’ ‘na lotteria, ‘na merènna e quattro fòchi.
A giugno se ‘ngomìncia giù ppe’ la stazzione
co’ sant’Andonio portato ‘m procissione;
la festa de Pedignano nun combacia co’ i’ zzando
i’ddieci d’agosto hanno chiuso aggià tutto quando.
Poi a settembre co’ mènza procissione
ce famo véde’ che ci avemo divozzione,
‘na serata a ffà ggiro da i’ vvicoli e le strade
co’ tutte le bandiere de le sette contrade.
Nu’ lo sanno che santo Gìddio è pe’ la bbona confessione,
ma, pe’ magnà, testa è propio la mèjjo occasione.

Su ppe’ Ppiazza Colonna i’ ppomeriggio d’estate

La colonna co’ le scritte sotto.
La cchiesa de San Silvestro sembra chiusa.
I’ ffijjarèlli che giòcono a pallini
o a ‘nnà ‘m procissione.
Certi fijji che pàrono sardapicchi.
Andri che giòcono a pallone dendro a i’vvicolo.
Tande palommèlle che cammìnono ‘ntorno a granturco.
‘Na femminetta che le guerna come ieri e come sembre.
Don Giorgio che esce da i’ ccancello e che tutti lo salùtono.
Esso che sende i’ pporzo de quarche fijjarèllo,
dicènnojje che je sende i’ ppeccati.
Don Derfo co’ du’ libbri su le mano, che ‘spetta don Giorgio.
I’ ccelo jjaro come si volesse prométta’ quarcosa.
I’ zzole che allucca.

Il’autunno

I’zzòno
de le fòjje
su i’ ccolore
de i’ vvendo.

 

Veronica Carullo

Autore: Veronica Carullo

“Fai quello che ami e non lavorerai un solo giorno della tua vita”

Ho 23 anni.
Studio comunicazioni, tecnologie e culture digitali.
Amo la fotografia e la scrittura con cui esprimo me stessa e tutto ciò che ho intorno.
Appassionata di cinema.

Solo la poesia ispira poesia ultima modifica: 2018-10-10T08:00:13+00:00 da Veronica Carullo

Commenti

To Top