Un viaggio nel tempo e nella memoria della nostra città

itOrte

NEWS TRADIZIONI

“Le còse che Scomparìsciono”

Venerdì 7 settembre presso il palazzo Vescovile di Orte, si è tenuta la presentazione del libro ” Le còse che scomparìsciono” di Vincenzo Cherubini. A presentare il testo sono intervenuti: il prof. Luigi Cimarra e il prof. Enrico Fuselli. Il libro è frutto dei ricordi della mamma dell’autore, Fernanda Vitantoni, del contributo di Gianfranco De Angelis, recentemente scomparso, di Lelio Rossi e di Anna Labrecciosa.

La memoria Ortana

Nel libro l’autore ha dedicato a Gianfranco De Angelis, delle parole che fanno da introduzione al testo:

“Alla memoria di Gianfranco De Angelis, che ha sollecitato con tanto entusiasmo questa pubblicazione.
Aiutandomi a trasmettere la memoria ortana.
E a tutti gli ortani che hanno fatto la storia del nostro paese.
Con semplicità e dignità”.

Cherubini ha ricostruito la vita di campagna, con aneddoti e avvenimenti di vita ortana vissuta realmente. Se le cose, i fatti e le esperienze di vita non sono rievocati nella tradizione verbale, dai ricordi dei nostri nonni, SMETTONO DI ESISTERE.

È importante comprendere le tradizioni e conoscere da dove veniamo, perché se l’individuo perde il contatto col suo passato, con le sue radici, con la sua storia, smette di pensare, svanendo nel nulla. Chi decide di leggere queste pagine si trova davanti ad una serie di quesiti sulla società contemporanea, molto frenetica. Ci si rivolge ai giovani, ai ragazzi di ieri che hanno vissuto le esperienze raccontate e a chi vede il mondo con la giusta visione. Si può definire  un vero e proprio viaggio nel tempo della nostra città.

“La tradizione è il progresso che è stato fatto ieri. Come il progresso che noi dobbiamo fare oggi, costituirà il progresso di domani”.

Attraverso il  seguente link: https://www.facebook.com/fanpageorte/videos/925449727665535/?t=7 potrete visionare il video in cui l’autore legge alcuni brani presenti nel libro.

 

 

 

“Le còse che Scomparìsciono” ultima modifica: 2018-09-14T12:57:49+02:00 da Veronica Carullo

Commenti

Promuovi la tua azienda in Italia e nel Mondo
To Top