CULTURA DIALETTO

Aneddoti e racconti Ortani: tradizione e cultura da scoprire

Aneddoti di Orte

Gli aneddoti sono episodi di carattere storico, poco noti o per meglio dire caratteristici. Possono assumere la forma di aforisma o breve racconto all’interno di un discorso più ampio. Il racconto invece è una narrazione in prosa di contenuto fantastico o realistico. Di seguito vi proponiamo una serie di racconti ortani, scritti in dialetto, dove parlano personaggi semplici, stravaganti e in altre occasioni ingenui, che hanno vissuto e abitato a Orte.

Ecco una selezione di aneddoti e racconti ortani

A SCÒLA

A scòla c’émio i’mmaèstro Bbellioni

‘N giòrno ce fà: “Scrivete la frutta che conoscete e che mangiate.”

Allora chi scrie le mélla, chi scrie le péra, che ssò.

Uno scrie: “Cacai.”

Mmaèstro dice: “Secondo me l’ultimo che hai scritto, più che un frutto è il passato remoto di un verbo o mi sbaglio?”.

MI’ MADRE

Me ricòrdo, da regazzino, che mmi’ madre dicéa a bbabbo che escìa prèsto da casa, de primavèra ( quanno ésso se ‘ncomingiàa a alleggerisse): “Otè, méttete i’ ppràccusse che stammadina c’è ‘n’ aria palommina!”

Gli aneddoti non finiscono qua…

I LE SPIEGAZZIONI

I le categorie de’ ffalegnàmi:

  • Artiggiano
  • Artista de’ llégno
  • Falegname ‘ngiclopèdico!

Fòri graduatòria i’ granne Fagòcchjo!

Le tràppole:

Mi’ madre me riccomannàa quanno dicéo che ttràppola:

“A nì, ce sò qquattro tipi de tràppole .

Pprimo le bbucìe a fin de bbène, pe’ mmannà le còse a vvèrzo, téste se pònno da dì!

Secònno le bbucìe su lo stato d’ànimo, se pònno da dì!

Terzo le bbucìe maligne, piène d’immìdia, che règano i’ ddanni e le litigade, nun ze pònno né sse déono da dì!

Quarto le bbuatte, che sò bbucìe senza sènzo! Te faccio ‘n esémbio: si masséra, quanno ‘rria bbabbo, jje dici che sì stato bbòno, ubbidiènde, studiòso, è ‘ na bbuatta, e a ésso nu’ jje la dai a bbéa!”

Le categorie

Sò’ ttre le categorie dell’òmmini de zzi’ ‘Ngelìno:

  • Fior d’ommini
  • Òmmini
  • Cazzabbùbboli

I’ PPERSONAGGI

Bbacchétto:

Bbacchétto ébbe divèrzi fijji.

Dòppo parécchj fijji la mòjje dicétte a’ mmarito:

Ahò Affrè!”

Che cc’è ?”

Me sa che cce arisémo“.

Ésso risponnétte: ” Ahò, q mèjjo che cce simo… che quanno nun ce simo ppiù.”

LL’AVVENIMENDI

I’ ppane:

Le sòcce tornanno a ccasa evitàono i’ vvìcolo Bbaciafémmine. Lo facéono pe’ evità che qquarcuno ‘m bò ppiù affamato rubbasse l’ùrdima pagnòtta de pane. Perché ‘na vòrda endrate né vvìcolo, nun c’éono mòdo de ggirasse pe’ vvedé chi èra.

Un ringraziamento a Vincenzo Cherubini e Gianfranco De Angelis per il tempo dedicato alla stesura dei racconti e aneddoti ortani. Perché la tradizione popolare deve sempre vivere nei nostri cuori e nella nostra mente.

Fonte: Quaderni dell’accademia dei Signori Disuniti della città di Orte. “Riccondanno qua ppe’ Orte”.

Veronica Carullo

Autore: Veronica Carullo

“Fai quello che ami e non lavorerai un solo giorno della tua vita”.
Aneddoti e racconti Ortani: tradizione e cultura da scoprire ultima modifica: 2018-09-05T09:00:47+02:00 da Veronica Carullo

Commenti

To Top